Come si può entrare nel business on-line usufruendo del regime forfettario per risparmiare in maniera del tutto legale?

Quando si parla di imprenditoria, la prima paura di chi vuole intraprendere un nuovo business è legata alle tasse e all’apertura di Partita IVA. C’è, però, una possibilità molto vantaggiosa che si può sfruttare per risparmiare: l’apertura di una Partita IVA con regime forfettario.

Cos’è il regime forfettario? Vantaggi e limiti

Il regime forfettario è un regime fiscale agevolato, destinato alle persone fisiche esercenti attività d’impresa, arti o professioni. Possono accedere al regime forfettario tutti i contribuenti che dimostrano di avere determinate caratteristiche, nell’anno precedente alla richiesta; tra queste, non devono aver percepito redditi di lavoro dipendente di importo superiore a 30.000 euro, tranne nel caso in cui il rapporto di lavoro dipendente nell’anno precedente sia cessato.

Il regime forfettario è altamente vantaggioso per chi vuole intraprende un nuovo business, come quello degli affitti brevi.

I tre principali vantaggi che presenta sono:

  1. Avendo una contabilità molto semplice e snella da gestire, abbassa i costi del commercialista rispetto ad una Partita IVA classica
  2. Ha una tassazione molto conveniente, che oscilla tra il 5 e il 15% e viene calcolata su una percentuale del fatturato, a seconda della tipologia di business; quella di una Partita IVA classica, invece, varia tra il 23 e il 43%!
  3. Permette di avere uno sconto sui contributi INPS da versare, nel caso in cui debbano essere versati. I contributi non devono essere versati se l’imprenditore ha già un’attività principale da dipendente, parallela all’attività imprenditoriale; nel caso, invece, in cui non si abbia già un’attività da dipendente, si ha uno sconto del 35% sui contributi INPS.

L’unico limite del regime forfettario riguarda il tetto massimo di fatturato che si può avere, equivalente a 65 mila euro. E se si dovesse si dovesse superare tale limite? Nessun problema: per quell’anno comunque si hanno tutti i benefici del regime forfettario sopra indicati; dall’anno seguente, poi, si avrà una Partita IVA classica. Per cui, perlomeno il primo anno di attività del nuovo business, il regime forfettario è assolutamente la scelta più conveniente da fare.

Il regime forfettario e il business di AirBnb

In realtà, per entrare nel business degli affitti brevi, non è necessaria l’apertura di una Partita IVA: se si hanno pochi immobili da gestire, si può tranquillamente lavorare nella piena legalità senza. Nel caso in cui, però, il tuo business inizi a prendere piede e tu ti trovi a gestire molti appartamenti, hai la possibilità di sfruttare tutti i vantaggi che ti offre il regime forfettario.

Vuoi saperne di più sul business di AirBnb? Scopri tutti i segreti per iniziare a guadagnare veramente con tutti i consigli di Bnb Academy.

Continui a perdere tempo?

Ho registrato una lezione completamente gratuita che ti spiega come puoi iniziare anche tu ad affittare su AirBnB degli appartamenti... che non hai!
Compila il modulo per accedere subito!